Terra Arte e Radici 2019


pozzo

Nel 2078 festeggerò il mio settantacinquesimo
compleanno. Se avrò figli, forse mi chiederanno di
voi. Forse chiederanno perché non avete fatto
niente quando c’era ancora il tempo per agire. Dite
di amare i vostri figli più di ogni altra cosa, invece
rubate il loro futuro proprio davanti ai loro occhi».

Greta Thunberg, Discorso alla COP24,
Katowice, Dicembre 2018

Greta Thunberg, che si definisce «attivista per il clima
con Asperger», a 15 anni ha fatto tremare i leader
mondiali riuniti per la COP24, la conferenza delle Nazioni
Unite sul cambiamento climatico, ricordando alla politica
quanto stia violando sistematicamente il patto
generazionale su cui si fonda ogni società ben regolata. E
con i suoi scioperi del venerdì per il clima è diventata un
fenomeno mondiale.
La manifestazione di Terra arte e radici ha da sempre un
interesse speciale per i più giovani e il loro sguardo sul
mondo. L’edizione 2019 ha però posto al centro la loro
prospettiva, sollecitandoli a raccontare direttamente, e in
modo creativo, aspirazioni, paure, attese, idee per il
mondo di domani e il loro futuro. E aprirà con un racconto
video collettivo, Digitalife, coproduzione Rai Cinema e
Varese News, un docufilm sulla vita nell’era di Internet.
Un paese per giovani. Il futuro visto dai ragazzi è dunque
il tema della XIX° edizione del festival e lo è anche dei
due concorsi rivolti ai ragazzi dai 6 ai 30 anni e promossi
da Associazione Aleph, Museo MA*GA e dai partner della
rete TAR.
Si ripropongono i progetti storici della Rete BIMBINBICI,
PARK&READ e la SETTIMANA ANTI-SPRECO, un
impegno sempre vivo in favore della mobilità sostenibile e
della lotta allo spreco. A cascata poi una serie di iniziative
per dare voce ai più giovani anche su questioni molto
impegnative del nostro tempo, come ambiente, clima,
equità, sicurezza, integrazione, città sostenibili, socialità e
relazionalità più evolute. Attraverso l’arte e una cornice
ludica che nulla toglie alla serietà del loro impegno, i
ragazzi sembrano confermare le parole di Greta: “Ho
imparato che non sei mai troppo piccolo per fare la
differenza”.

Daniela Aliverti
Ass. culturale Aleph

Andrea Franzioni
Assessore alla Cultura Cardano al Campo

Pieghevole TAR 2019